Biblioteca

Regolamento della Biblioteca “Girolamo Tartaglione” della Corte Corte di Appello di Napoli

La biblioteca distrettuale della Corte di Appello assolve in via istituzionale alla funzione di supporto per le attività di studio e di ricerca dei magistrati e dei dipendenti del Ministero della Giustizia.

La biblioteca promuove lo sviluppo dei servizi attraverso la cooperazione con le biblioteche del Polo giuridico (in osservanza della Circolare del Ministero della Giustizia prot. AS/213.14/546 del 07/04/10); promuove l’accesso ai suoi servizi da parte degli uffici giudiziari del distretto di Napoli.

La biblioteca adotta la Carta dei Servizi allegata in conformità con i principi del presente Regolamento. La Carta dei servizi viene periodicamente revisionata e aggiornata in funzione delle mutate condizioni generali e dei servizi erogati.

Condizioni di accesso
L’accesso alla biblioteca è riservato ai magistrati e ai dipendenti del Ministero della Giustizia, anche in quiescenza. Per particolari esigenze è facoltà del Direttore consentire l’accesso temporaneo anche a persone non appartenenti alle categorie indicate. Compatibilmente con le risorse tecniche e logistiche disponibili, la biblioteca si propone di estendere l’accesso agli iscritti agli ordini professionali e ai docenti universitari, alle condizioni che saranno convenute con gli organismi interessati. La frequenza alla biblioteca è subordinata alla presentazione di un documento d’identità valido attestante lo status di avente diritto. L’utente è tenuto a firmare il registro delle presenze. Borse, buste e altri tipi di contenitori devono essere depositati presso l’apposita area indicata nella biblioteca. La biblioteca non è responsabile degli oggetti o beni personali introdotti dagli utenti nei suoi locali.

Regole di comportamento
Gli utenti ammessi in biblioteca hanno l’obbligo di osservare le disposizioni contenute nel presente Regolamento e avere cura nel trattamento del materiale messo a disposizione.

Servizi di assistenza e informazioni bibliografiche
Nella sala è prevista l’assistenza agli utenti e l’orientamento alla ricerca.
La consultazione dei cataloghi cartacei e automatizzati è eseguita direttamente dagli utenti, salvo avvalersi dell’assistenza del personale bibliotecario.

Accesso ai documenti
Nel reparto denominato "sala di consultazione" sono direttamente accessibili agli utenti i documenti di più immediata e frequente consultazione; gli utenti sono tenuti a utilizzare il materiale messo a disposizione con la dovuta cura, collaborando alla buona tenuta della sala. Il materiale consultato non deve essere ricollocato, ma lasciato nelle postazioni di lettura: sarà cura del personale bibliotecario, a fine giornata, risistemare i volumi secondo l’esatta collocazione.
I documenti non direttamente accessibili vanno richiesti compilando l’apposito modulo; il numero delle richieste e le modalità del prelievo sono stabilite nella Carta dei Servizi. L’utente è tenuto a riconsegnare tali volumi avuti in lettura, unitamente al modulo di richiesta, prima di uscire dalla biblioteca.

Ricerche bibliografiche e fornitura di documenti
La biblioteca effettua ricerche giuridiche e bibliografiche ed eroga un servizio gratuito di fornitura dei documenti, per il solo uso d’ufficio, agli uffici giudiziari del distretto di Napoli. La trasmissione a distanza avverrà via fax o via mail.

Banche dati
La biblioteca consente l’accesso diretto ai documenti digitali off-line e on-line; la consultazione avviene previa registrazione. E’ prevista assistenza nell’utilizzazione degli strumenti elettronici.
Le modalità di utilizzo sono illustrate nella Carta dei servizi.

Fotoriproduzione
E’ consentita la fotoriproduzione, per motivi d’ufficio - nei casi in cui i documenti non siano trasmissibili via mail – entro i limiti stabiliti dalla normativa sul diritto d’autore, e comunque non oltre le dieci pagine al giorno. Le fotocopie sono effettuate dagli utenti.

Prestito
Il servizio di prestito ha per oggetto il patrimonio librario della biblioteca. Modalità e durata del prestito sono descritte nella Carta dei servizi. Sono escluse dal prestito:

  • le opere non registrate e catalogate
  • le pubblicazioni periodiche
  • le enciclopedie e i dizionari
  • i codici e i repertori
  • le risorse elettroniche

Nel caso di restituzione non puntuale dei documenti, è rivolto all’utente un sollecito scritto; trascorsi inutilmente dieci giorni dall’invito alla restituzione - ove non sussistano impedimenti non dovuti alla volontà personale - il Direttore può escludere l’utente dal servizio di prestito.
Nell’eventualità di danneggiamento o di smarrimento dei volumi, l’utente è tenuto a provvedere al reintegro o alla sostituzione; ove non fosse possibile sarà addebitato il costo commerciale del volume.

Napoli, 1 ottobre 2011

IL CONSIGLIERE DELEGATO ALLA BIBLIOTECA
(dott.ssa Maria Silvana Fusillo)

L PRESIDENTE DELLA CORTE
(dott. Antonio Buonajuto)